mercoledì 18 gennaio 2017

Finalmente vi siete ritrovati

Il tuo respiro mi ha accompagnato in questi ultimi 
dolorosi giorni prima affannato, poi lieve, 
poi di nuovo incalzante, 
ora stanco poi dolente. 

Te ne sei andata e non riesco a crederci. 
Sono spaventata, ma soprattutto arrabbiata 
perchè ho ancora mille domande da farti,
 mille cose da chiederti, da raccontarti. 

 Dopo il limbo della morfina ci hai lasciati soli. 
Spero che in fondo al tunnel del trapasso 
tu abbia trovato il sorriso sereno del papà,
 la sua mano salda ti abbia  accompagnato
 laddove solo voi ora potete andare.

Spero che comunque, anche da lontano 
 mi indichi la via maestra .
Ciao mamma, resteranno indimenticabili
 i nostri pomeriggi domenicali trascorsi tra 
televisione, uncinetto, chiacchiere, 
pettegolezzi, confidenze e stupiderie.

Non sono stata la figlia perfetta, io ti amo 
lo stesso perchè non sarai stata 
nemmeno tu la madre 
perfetta ma sei la MIA mamma . 

Buona notte adesso che è tardi 
dopo tanta fatica, 
per quel respiro stanco e il tuo cuore indomito
hai davvero bisogno di riposare. 

venerdì 13 gennaio 2017

Anno nuovo

Comincia tutto storto, roba che si rompe, multe, tributi, 
malumori, litigi e il primo istinto è 
quello di infilarti nel letto e nascondere 
la testa sotto le coperte. 

Poi in una giornata grigia che più grigia non si può 
qualcosa va veramente diritto 


e tutto cambia, almeno per una mezz'ora . 
Continui ad assaporare quell'attimo di sorpresa 
di contentezza di incredulità e quei 500 € 
hanno un valore infinito. 
Li usi nella mente per un milione di cose, 
l'assicurazione del camper, gli occhiali nuovi, 
il prossimo viaggetto, il cappotto o 
la riparazione della macchina che costa assai. 

Intanto sono al sicuro nel fondo di un cassetto 
insieme ai sogni ed ai sorrisi che mi hanno procurato.
Poi si vedrà . 

mercoledì 30 novembre 2016

Sparsamente

E' volato via novembre, siamo già arrivati al mese delle festività natalizie. Gli impegni sono tanti e la voglia è davvero poca.
La vita scorre come al solito tra corse e rincorse, ansie e qualche sorriso. I buoni propositi sono stati accantonati, le poche buone abitudini mantenute. Ci sono anche nuove sfide e nuovi progetti, vedremo come andrà.
Il buio arriva prestissimo e fa una gran malinconia, ora fa pure freddo, l'umore ne risente, ma dal 21 dicembre potrà solo migliorare.

Dopo un brutto periodo di dolori articolari vari, finalmente sto meglio soprattutto grazie al nuoto ed alla fisioterapia.
Il nuoto si sa mi piace molto. Mi sento leggera, è un esercizio che mi dà soddisfazione e vedo costantemente i miei miglioramenti. In piscina non si deve far conversazione, si nuota e basta, mi metto ad ascoltare il mio respiro ed i miei pensieri,  non ho da intrattenere nessuno. Perfetto!

In palestra è un po' più difficile ma tutto sommato sto riuscendo a tenere un profilo basso e per il momento non ho dovuto comunicare con nessun altro a parte il fisioterapista.
C'è però una gentile signora dai capelli argentati che viene in palestra il giovedì mattina, la trovo sempre già intenta nei suoi esercizi e soprattutto sempre sorridente e cordiale.
Lei mi è piaciuta subito. E' piccolina e un po' curva, silenziosa e discreta. Un breve cenno col capo ed un sorriso. Mi passa l'elastico per lo stretching o mi cede il posto su quel paio di attrezzi che usiamo entrambe. L'unica cosa che so di lei è che ha 91 anni e ne dimostra 15 di meno.
Sarà che in questo periodo sto tanto con la mia mamma 92enne, ma la ammiro e ne invidio la dolcezza e l'energia.

Mi sono abbonata ad uno dei canali web per vedere in streaming film e serie tv ..... accidenti mi sono rovinata le notti. Ho iniziato con le serie di Downton Abbey poi Call the midwife ,  così ho trascorso le mie serate o meglio notti a seguire le loro storie. Sono fatte proprio bene, del primo mi sono piaciuti le scenografie ed i costumi, del secondo le storie ed i personaggi di un mondo non troppo lontano. Ora che le ho viste entrambe me ne devo cercare una nuova anche se sarebbe meglio se mi guardassi un film così vado a dormire un po' prima.



lunedì 31 ottobre 2016

Vicino casa

Volevamo andare in montagna a vedere i  colori dell'autunno poi, 
complice anche lo scossone mattutino che aveva smorzato 
gli entusiasmi abbiamo pensato che non era necessario
 fare troppi chilometri per ritrovarsi immersi 
nella natura, per ammirare le bellezze stagionali,
 per sentire solo il rumore delle foglie che cadono 
e scrocchiano sotto i piedi, i versi delle anatre, 
delle garzette e degli altri uccelli palustri. 
Bastava andare in quest'oasi




Così abbiamo modificato i nostri piani e 
abbiamo camminato avvolti nei colori dorati dell'autunno, 
circondati da canneti e da alti arbusti,
in un posto veramente magico e speciale. 

Poetico e romantico.

Una timida volontaria ci ha accolto e ci ha dato qualche 
informazione di base sul luogo. 
Dopo poco abbiamo raggiunto una guida decisamente più esperta
 e molto appassionata che con molta competenza ci ha spiegato
 che originariamente questo luogo era una cava d'argilla,  
quando è stata dismessa rischiava di diventare una discarica. 
La popolazione locale si è ribellata compatta 
ed è riuscita a far si che venisse creata un'area 
di 24 ettari destinata a diventare un'area di protetta 
per la flora e la  fauna curata dal WWF . 
Ci ha accompagnato lungo un breve percorso attraverso 
i piccoli laghetti formatisi dagli scavi 
e dalle falde acquifere sotterranee, 
facendoci notare gli arbusti, i canneti, gli uccelli 
e tutte le particolarità del posto. 
Una passeggiata istruttiva ed interessante.

Tutto reso veramente magnifico dal sole autunnale
 e dalla livrea dorata della vegetazione. 


  Un pomeriggio splendente!